Attualità
L’iniziativa

“Atlantide – Teatri d'approdo”: il teatro sociale per intervenire sul disagio giovanile

Atlantide, progetto di teatro sociale sostenuto da Fondazione Monte dei Paschi di Siena, aiuterà i ragazzi dai 12 ai 18 anni a recuperare la socialità con una serie di laboratori gratuiti

“Atlantide – Teatri d'approdo”: il teatro sociale per intervenire sul disagio giovanile
Attualità Siena, 18 Maggio 2022 ore 18:56

Per rispondere al disagio giovanile causato dalla pandemia, parte il Progetto Atlantide – Teatri d'approdo, una rete di laboratori di teatro sociale in tutta la provincia di Siena. Finanziato da Fondazione Monte dei Paschi e realizzato da nove compagnie teatrali di Siena e provincia, Atlantide si rivolge a tutti i ragazzi dai 12 ai 18 anni. L'obiettivo è recuperare la socialità e la creatività perse durante la pandemia. I laboratori verranno attivati tra Valdelsa, area senese e Valdichiana nel corso del 2022 e saranno gratuiti.

 

Le attività del progetto puntano a dare agli adolescenti un linguaggio, quello del teatro, per aprirsi al mondo e agli altri come cittadini consapevoli. Atlantide vuole infatti promuovere il protagonismo giovanile e la cittadinanza attiva, fornire un'educazione equa e inclusiva oltre a delle opportunità di apprendimento permanente. Il teatro sociale è in questo un compagno di cammino durante la crescita, un binocolo per guardarsi dentro e individuare la rotta: proprio per questo il sottotitolo di Atlantide – Teatri d'approdo è “Una rotta per chi naviga al buio”.

 

Il teatro sociale, sebbene utilizzi gli stessi strumenti del teatro, non ha un intento tecnico o performativo e si rivolge a coloro che possono vivere una condizione di disagio, emarginazione o esclusione. La pratica del teatro sociale riguarda il corpo e la sua percezione nel tempo e nello spazio, la relazione con se stessi e anche con l'altro, grazie alla creazione di gruppi eterogenei e integrati. Il lavoro ludico ha effetti positivi sulle fragilità e le debolezze di ragazze e ragazzi in età adolescenziale: si recupera il benessere psico-fisico delle persone e quindi del gruppo e della comunità.

 

Le arti”, sostiene l'Organizzazione Mondiale della Sanità nel suo Report di novembre 2019, “fanno bene alla salute, individuale e collettiva, e incidono sulle disuguaglianze, creando legami sociali inclusivi e sostenendo la maturazione di identità collettive aperte e plurali.

 

La validità del teatro sociale come modalità di intervento sul disagio giovanile è testimoniata, oltre che dalle esperienze nazionali e internazionali nel campo, dalla storia dello stesso progetto Atlantide. Prima dell'inizio di questa fase, Atlantide, forte di un'esperienza di quattro anni come “Teatri Sommersi” e come “Teatri Emersi”, ha finora coinvolto nelle sue attività più di centocinquanta partecipanti dai 5 ai 20 anni, aiutandoli ad affrontare questioni cruciali nella crescita.

 

Le associazioni che fanno parte del progetto sono laLut – Libera Università del Teatro (Siena), Topi Dalmata (Siena), Theatrikos – Teatro Arti Culture (Colle Val d'Elsa), la Nuova Bottega delle Arti (Sinalunga), Straligut teatro (Monteroni d'Arbia), Compagnia dell'orto del Merlo (Cetona), Opificio Badesse (Siena), Egumteatro (Siena), Tepotratos (Monticchiello). Gli operatori provengono da scuole di teatro differenti e dialogano con i partecipanti attraverso metodologie teatrali variegate, una delle ricchezze più innovative di Atlantide.

Per iscriversi, rimanere aggiornati sulle attività e su quando verranno attivati i singoli laboratori, è possibile seguire il progetto sulle pagine Facebook, Instagram e TikTok (@atlantideteatro) o scrivere alla mail atlantideteatro@gmail.com.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter