Attualità
DOPO IL DISASTRO DELLA PRIMA GIORNATA

Dazn, come ottenere i rimborsi: il modulo da scaricare

La procedura è piuttosto complessa: Agcom chiede il rimborso diretto.

Dazn, come ottenere i rimborsi: il modulo da scaricare
Attualità Siena, 17 Agosto 2022 ore 16:12

Dazn, come ottenere i rimborsi: il modulo da scaricare

La prima giornata di serie A è stata un disastro. Non tanto per chi ha perso le partite, piuttosto per chi voleva vederle a casa, ma che ha dovuto fare i conti con una lunga serie di disservizi della piattaforma Dazn. Che ha promesso di rimborsare gli utenti e di sistemare al più presto i problemi.

Dazn, come ottenere il rimborso

Molti tifosi sono rimasti delusi per come sono andate le cose durante la prima giornata di serie A, e in particolare domenica 14 agosto 2022. E i disservizi di Dazn sono entrati di diritto anche nella campagna elettorale. Nel frattempo  l’Autorità garante per le Comunicazioni (Agcom) in una lettera ha presentato alla piattaforma una richiesta formale per provvedere a forme di rimborso semplificate, quasi automatiche, per tutti quegli utenti che sono stati vittime dei disservizi. E anche la Lega Calcio si è accodata alla richiesta di risarcimento.

La prassi per il rimborso è piuttosto laboriosa in verità. Perché l'abbonato (secondo la delibera 17 del 2022 del Garante) ha diritto alla restituzione dei soldi dopo cinque tentativi di accesso al portale andati a vuoto. Secondo Agcom, però, la prassi si può semplificare perché la piattaforma può facilmente risalire all'identità di coloro che hanno avuto difficoltà, avendo inviato dei link provvisori d'emergenza.

Cosa fare e il modulo da scaricare

Innanzitutto l'entità del rimborso, che è pari al 25% del canone mensile, e dunque da 7,49 a 9,99 euro (l'abbonamento  va da 29,99 a 39,99 euro al mese). E' però possibile che si proceda con cifre e modalità differenti, anche per l'entità della spesa, che per 1,8 milioni di abbonati si aggirerebbe attorno ai 16 milioni di euro.

Deve essere l'utente a segnalare i disservizi e a richiedere entro sette giorni il rimborso, inviando una mail (dall'indirizzo con cui si è sottoscritto l'abbonamento, altrimenti la richiesta non sarà considerata valida) a   richiestarimborsodazn@dazn.com oppure una pec a richiestarimborsodazn@dazn.com.

Sul proprio sito Dazn mette a disposizione (nella sezione "Help") il modulo di richiesta, che potete trovare direttamente cliccando  al link sottostante.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL MODULO DI RIMBORSO

Problemi di connessione

L'utente deve inoltre dimostrare che i problemi non siano a causa di un malfunzionamento della propria connessione (in pratica che la colpa sia di Dazn e non di altri soggetti).  Per farlo bisogna accedere al sito Misurainternet.it (gestito da Agcom) ed eseguire un test alla propria rete.  A quel punto è necessario fare uno screenshot della schermata e allegare l'immagine al modulo.

L’utente dovrà inoltre specificare la tipologia di dispositivo utilizzato e dare prova che tale device è tra quelli registrati per la fruizione del servizio Dazn.

"Sarà ritenuto valido solamente lo screenshot o la fotografia del dato risultante dal dispositivo effettivamente utilizzato per la fruizione dell’evento in questione; qualsivoglia evidenza grafica differente rispetto allo screenshot/fotografia così come sopra riportato non sarà considerata ammissibile, pena la mancata evasione della Richiesta; verranno presi in considerazione unicamente gli screenshot/fotografie (nei termini sopra descritti) che risulteranno perfettamente leggibili e indicanti tutti i dati sopra citati", spiega Dazn.

Ma non è tutto. Serve un  altro screen, quello della  cronologia dei pagamenti, reperibile nella sezione “Il mio account” sul sito di Dazn, dell’evidenza fotografica (in formato Jpeg or Png) del malfunzionamento sulla base della tabella riportata nel modulo, del device utilizzato per visualizzare l’evento durante il quale si è verificato il malfunzionamento alla base della richiesta e dell’device utilizzato per visualizzare l’evento durante il quale si è verificato il malfunzionamento alla base della richiesta.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter