Attualità
Impruneta

"Festa dell'Arsione all'Impruneta": la protesta ironica dei Verdi

Alla richiesta dei Verdi per Impruneta di riattivare quel fontanello il Comune, negli anni scorsi, aveva ha risposto che la disattivazione del fontanello in Piazza Buondelmonti era avvenuta a seguito di rotture sulla rete idrica che “hanno consigliato la chiusura della tubazione per evitare sprechi d’acqua e costi di ricostruzione”.

"Festa dell'Arsione all'Impruneta": la protesta ironica dei Verdi
Attualità Chianti fiorentino, 06 Agosto 2022 ore 12:04

"Festa dell'Arsione all'Impruneta": la protesta ironica dei Verdi

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa dei Verdi per Impruneta.

"Col mese di agosto all'Impruneta si rinnova la tradizionale edizione della “Festa dell'arsione”, giunta ormai alla sua 15^ edizione. Confermata la location d’eccezione: il fontanello al pozzo di Piazza Buondelmonti.

L’ingegnosa pensata di promozione della festa – ricordano ironicamente i Verdi per Impruneta - è che l’evento non si tiene solo una volta all’anno, ma “dura proprio tutto l’anno”, da un agosto all’altro. Si da infatti il caso che dal 2008 il fontanello del pozzo nella piazza Buondelmonti non disseta più nessuno, semplicemente perché è stata chiusa la tubazione dell’acquedotto che lo alimentava.

Nonostante l'iniziativa oramai sia stata inclusa di diritto - stante la sua pluriennale durata - nell'albo delle manifestazioni tradizionali locali, tuttavia è una di quelle di cui gli impunetini sentirebbero di meno la mancanza, se solo potessero avere in cambio un fontanello funzionante il pozzo in Piazza Buondelmonti.

Alla richiesta dei Verdi per Impruneta di riattivare quel fontanello il Comune, negli anni scorsi, aveva ha risposto che la disattivazione del fontanello in Piazza Buondelmonti era avvenuta a seguito di rotture sulla rete idrica che “hanno consigliato la chiusura della tubazione per evitare sprechi d’acqua e costi di ricostruzione”.

Quest’anno poi la festa si allarga, tanto che nei mesi scorsi sono stati chiusi anche i due fontanelli dei giardini pubblici di Via Ho Chi Minh e quello ai giardini ai Bottai (o forse per evitare che il semplice dissetarsi faccia concorrenza all’evento nella piazza del capoluogo). Gli abitanti dell’Impruneta lo sanno che da anni il fontanello al pozzo in piazza è in quelle condizioni, e oramai hanno rinunciato ad tentar d’aprirne il rubinetto, certi di restare comunque con la sete.

Gli ignari “partecipanti della festa” di passaggio in piazza – turisti, ciclisti, visitatori delle molteplici manifestazioni che si svolgono nella piazza – si sottopongono invece a loro insaputa al “rito del viandante assetato”. Convinti, infatti, che da quel fontanello si possa pur bere ci mettono un po’ di tempo per provare ad azionare il pomello che li dovrebbe dissetare, ruotandolo prima tre volte sia a destra che a sinistra, per poi magari provare pure a tirarlo; facendo poi tre o quattro giri intorno al pozzo per cercare magari un’altra cannella, per andarsene infine, scuotendo la testa, sconsolati e riarsi, in direzione del bar più vicino. Per rilanciare anche l’offerta turistica locale il Comune potrebbe almeno far diventare il pozzo di Piazza Buondelmonti una attrazione di richiamo, facendo credere che si tratta di una innovazione tecnologica: l’unico fontanello mondiale a “risparmio idrico totale”.

Già ci immaginiamo la fila dei torpedoni di turisti in arrivo. Nel frattempo buona nuova “festa dell’arsione” a tutti".

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter