Cronaca

Continua la campagna nuovi autisti candidature aperte tutta l’estate

Tre tipologie di selezione in un unico portale: quella tradizionale per conducenti già formati, Accademia per i giovani da 21 a 29 anni e Accademia over 29.

Continua la campagna nuovi autisti  candidature aperte tutta l’estate
Cronaca 30 Luglio 2022 ore 10:58

La campagna di Autolinee Toscane per reclutare nuovi conducenti continua anche d’estate con l’offerta di un lavoro non precario, qualificato e tutelato. La campagna prevede tre canali di selezione diversificati: quella tradizionale per gli autisti già formati e in possesso delle patenti di categoria superiore (patente D, DE e Carta di Qualificazione del Conducente CQC); “Accademia”, per i giovanissimi che non hanno né licenze né una formazione professionale ma desiderano avere subito un’occupazione stabile; e “Accademia over 29”. Per queste due ultime tipologie, Autolinee Toscane garantisce la copertura economica per le licenze di guida, che non tutti possono permettersi di conseguire per conto proprio. Chi supera la selezione di Autolinee Toscane non dovrà tirare fuori neanche un euro.

Finora il reclutamento di Autolinee Toscane ha registrato numeri molto positivi: entro la fine dell’anno entreranno in servizio ulteriori 79 nuovi autisti oltre ai 215 già assunti nei mesi passati (solo a Firenze ulteriori 50 oltre agli 83 già avviati). Con questi numeri Autolinee Toscane ha ampiamente pareggiato il turn over aziendale che ha visto andare in pensione circa 170-180 conducenti da novembre 2021 a giugno 2022. Il persistere della carenza di autisti in organico è dovuto al gap negativo di 268 autisti ereditato dai precedenti gestori al subentro, lo scorso novembre, e che è difficilmente recuperabile in tempi brevi.

Ecco nel dettaglio le tre tipologie a cui si rivolge Autolinee Toscane e le modalità di invio delle candidature attraverso il portale online creato appositamente per il reclutamento: https://playyourjob.com/atbus/

Autisti già formati. Riguarda chi è già in possesso delle patenti di categoria superiore (patente D, DE e CQC, ossia la Carta di qualificazione del conducente). In questo caso basta inserire la propria candidatura nel portale online. Si tratta della forma di reclutamento tradizionale, rivolta a quanti sono già formati per questo lavoro o l’hanno già fatto precedentemente.
I più giovani dai 21 fino ai 29 anni. A loro Autolinee Toscane offre l’inserimento in “Accademia”, la scuola di formazione interna. “Accademia” prevede l’assunzione immediata con un contratto triennale di apprendistato professionalizzante. Chi entra in Accademia compie tutto il percorso formativo, compresa l’acquisizione delle patenti specialistiche, a costo zero. I requisiti sono l’età anagrafica, inferiore ai 29 anni appunto, e il possesso della patente B. Avviata lo scorso maggio con una classe per autisti destinati a Firenze, “Accademia” si prepara adesso a inaugurare due nuovi corsi: il 5 settembre per conducenti su Siena e il 12 settembre di nuovo per conducenti su Firenze. Per queste due nuove classi, 109 giovani hanno già sostenuto il colloquio e di questi 68 hanno già prenotato le visite mediche. Per quanto riguarda invece la prima classe su Firenze, che è partita lo scorso maggio, tutti i 19 apprendisti hanno già terminato l’intera formazione per le patenti e hanno già conseguito la patente D; nel mese di agosto sosterranno l’esame per la CQC. Una volta ottenuto la CQC potranno già guidare i bus a Firenze.
Gli Over 29. Per chi invece ha superato l’età dell’apprendistato, ma non è in possesso di una o di entrambe le patenti di categoria superiore, è in fase di partenza “Accademia over 29”. Gli interessati possono già inoltrare la candidatura nella sezione riservata ad “Accademia” e, anche se non sono in possesso dei requisiti anagrafici, possono ugualmente registrarsi e fare i test correlati al percorso. Una volta superata la selezione, anche per loro è prevista la copertura delle spese per le patenti.

“Come più volte denunciato non solo da Autolinee Toscane ma da tutto il settore del trasporto, in Italia c’è una grande carenza di autisti e le aziende devono anche fare i conti con un turn over che cresce ogni anno. Per questo da parte di Autolinee Toscane c’è un forte impegno per costruire nuovi canali reclutamento, che siano anche diversificati per intercettare i bisogni di varie di tipologie di aspiranti autisti. E stiamo avviando nuove forme di collaborazione con le amministrazioni locali, che ringraziamo per il supporto che ci hanno dato finora” spiega il presidente di Autolinee Toscane, Gianni Bechelli.

“Stiamo costruendo un articolato sistema di reclutamento che ci permetterà di aprire canali continuativi. Non trascuriamo però la tradizionale ricerca di autisti che hanno già esperienza nel settore e hanno già tutte le competenze per entrare nella nostra squadra” aggiunge il direttore delle Risorse umane, Alessandro Stocchi.

Perché conviene entrare nella squadra di Autolinee Toscane. Per una serie di vantaggi. Primo fra tutti, una prospettiva di lavoro sicura e tutelata: il primo contratto in Autolinee Toscane è, come avviene di prassi, a tempo determinato per 12 mesi, con l'obbiettivo strategico di proseguire con una trasformazione a tempo indeterminato. Oltre a ciò, Autolinee Toscane garantisce una serie di benefit al dipendente quali: un fondo per il rimborso delle spese mediche, un fondo integrativo della pensione, un’assicurazione di tutela legale per cause di servizio e un fondo di primo ingresso (500 euro una tantum) per un portafoglio di servizi alla famiglia ed alla persona accessibili tramite apposita piattaforma. Per quanto riguarda la retribuzione, l’assegno di primo ingresso si attesta generalmente sui 1400 euro netti mensili, ai quali si dovranno aggiungere i 72 euro lordi mensili di aumento previsto dal rinnovo del contratto nazionale. Infine, solo Autolinee Toscane offre, nella nostra regione, la copertura delle spese per il conseguimento delle patenti di categoria superiore il cui costo si aggira su qualche migliaio di euro.

Autolinee Toscane prosegue dunque la sua grande campagna di assunzioni, con l'obiettivo strategico di contratti stabili, duraturi e migliorativi di quelli nazionali, anche grazie ai 20 accordi sindacali stretti in questi 9 mesi di gestione del servizio ereditato con un deficit di 268 autisti. Per tamponare le carenze croniche, in modo contingente, è stato avviato un sondaggio tra autisti usciti dal tpl, ma ancora in attività, per "tamponare" le assenze attuali mentre si lavora per raggiungere gli obiettivi di assunzioni attraverso il reclutamento di personale già formato e Accademia. È inoltre in corso una verifica dei database per capire se, tra quanti avevano interrotto nei mesi scorsi la selezione per motivi personali, ci sono ancora candidati disponibili a rifarla.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter