Cronaca
Siena

Detenuto in permesso premio si ubriaca invece di andare a trovare la madre: fermato dalla Polizia di Stato e riportato in carcere

Il 42enne, con precedenti specifici a carico, dopo essere stato accompagnato all’ospedale per ricevere le cure del caso, è stato ricollocato in carcere in stato di detenzione.

Detenuto in permesso premio si ubriaca invece di andare a trovare la madre: fermato dalla Polizia di Stato e riportato in carcere
Cronaca Siena, 21 Agosto 2022 ore 16:30

Detenuto in permesso premio si ubriaca invece di andare a trovare la madre: fermato dalla Polizia di Stato e riportato in carcere

Aveva ottenuto dal Magistrato di Sorveglianza del Tribunale di Siena un permesso premio per andare a trovare la madre, residente in provincia, ma non ci è mai arrivato il detenuto che è stato fermato dalla Polizia di Stato.

Nel pomeriggio di ieri,  20 agosto, i poliziotti delle Volanti dell’UPGSP della Questura di Siena sono intervenuti presso lo scalo ferroviario, in ausilio ai sanitari del 118 che erano stati chiamati per soccorrere un uomo in stato di ebbrezza alcolica.

Una volta giunti sul posto l'hanno identificato verificando che l'uomo, 42enne nato a Chiusi, era detenuto presso la locale Casa Circondariale, dove sconta una condanna, con sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Firenze, alla pena di tre anni e tre mesi di reclusione per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e violazione di domicilio. L'uomo era, infatti, stato autorizzato a fruire di due giorni di permesso premio, dal 20 al 22 agosto, da trascorrere presso la propria madre, con l’obbligo di rispettare una serie di prescrizioni, tra le quali il divieto di fare uso di sostanze alcoliche e/o stupefacenti.

È stato portato in ospedale e poi di nuovo in carcere

Il 42enne, con precedenti specifici a carico, dopo essere stato accompagnato all’ospedale per ricevere le cure del caso, è stato ricollocato in carcere in stato di detenzione, su disposizione dello stesso Magistrato di Sorveglianza di Siena.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter