Cronaca
Bagno a Ripoli

Maltempo in provincia di Firenze: 28 interventi a Bagno a Ripoli 

Rimane attivo il Centro Operativo Comunale nel Comune di Bagno a Ripoli, territorio più colpito.

Maltempo in provincia di Firenze: 28 interventi a Bagno a Ripoli 
Cronaca Chianti fiorentino, 16 Agosto 2022 ore 13:46

Maltempo in provincia di Firenze: 28 interventi a Bagno a Ripoli

In riferimento al maltempo che ha colpito la provincia di Firenze nella giornata di ieri si informa che durante l’evento atmosferico, sono giunte alla sala operativa  circa 240 richieste di intervento e processate dal NUE 112.

Il territorio maggiormente colpito è quello di Bagno a Ripoli dove è stato aperto il Coc che, già dalla notte, ha seguito  l’evoluzione dell'evento e della prevista  ondata di piena del fiume EMA, monitorato dal centro funzionale regionale. Il dispositivo di soccorso attuato dai Vigili del Fuoco ha messo a disposizione squadre ordinarie, sommozzatori, personale specializzato in salvamento acquatico e personale fluviale.

Non ci sono state richieste di soccorso a persona a rischio vita, come neppure in difficoltà.

Il sistema di Pc con le squadre di volontari ha curato il monitoraggio a vista del livello del fiume Ema.

Le squadre dei VVF di FIrenze sono state supportate da squadre dei Comandi di Prato, Arezzo, Siena e Livorno.

Questa mattina la situazione alle 10 è di circa 62 richieste di intervento, per  svuotare cantine e altro, danni d'acqua, dissesti statici, alberi e rami pericolanti, tutti di carattere minore e senza rischi per l'incolumità pubblica e privata; di questi,

28 nel comune di Bagno a Ripoli

10 nel comune di Firenze

5 nel comune di Cerreto Guidi

5 nel comune di Greve in Chianti

5 nel comune di Impruneta

e altri 5 nel resto della Provincia.

Rimane attivo il Coc

Rimane attivo il Centro Operativo Comunale nel Comune di Bagno a Ripoli, territorio più colpito, dove sono presenti tutte le componenti di Protezione Civile per il coordinamento dell’evento emergenziale.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter