Cronaca

Opere pubbliche col segno più, in Valdelsa lievitano i costi

Sono preoccupati gli amministratori di San Gimignano, Casole e Poggibonsi.

Opere pubbliche col segno più, in Valdelsa lievitano i costi
Cronaca 12 Dicembre 2021 ore 11:33

Gli stessi aumenti condizionano anche gli investimenti della pubblica amministrazione. Come nel caso delle grandi opere pubbliche. Lo ha fatto presente Fabio Carrozzino, assessore con delega alle Opere pubbliche. «I rincari dei prezzi delle materie prime si fanno sentire nella realizzazione delle opere pubbliche così come nel privato e in tanti altri settori della nostra vita e delle attività. E’ un tema che si interseca con una serie di conseguenze della pandemia nella realizzazione dei lavori, dai rallentamenti di alcuni interventi durante il lockdown dell’anno passato al fatto che anche chi lavora è alle prese con la presenza del virus, con tutto quello che comporta e con cui siamo tenuti a fare i conti». La colpa al Covid è sempre dietro l’angolo, nonostante gli addetti ai lavori identifichino le ragioni anche e soprattutto per altre motivazioni. Il Comune di San Gimignano ha in corso ed in programma un vasto numero di opere pubbliche, ma dell’aumento ne sta risentendo solo in parte, perché alcuni lavori sono stati affidati prima dell’aumento.

 «E’ un problema che inevitabilmente riguarda gli enti locali da vicino - ha osservato Andrea Marrucci, sindaco di San Gimignano – Devo dire che al momento, per quanto ci riguarda, non si è manifestato quel poderoso aumento del 40%. Questo, perché probabilmente abbiamo assegnato l’esecuzione di determinate opere prima. Siamo, comunque, preoccupati per le prossime settimane. Potrei fare l’esempio della nuova scuola elementare del capoluogo con annesso auditorium, si parla di un costo complessivo di oltre 4 milioni di euro, ma anche il rifacimento del Teatro dei Leggeri, che corrisponde ad un costo di circa 250mila euro. Non abbiamo ancora dati effettivi sulle opere pubbliche, ma stiamo monitorando quotidianamente la situazione. L’effetto nella sua totalità non ci ha ancora colpito, ma sono sicuro che anche da noi arriverà». Grandi opere, ma anche manutenzione ordinaria che lievita notevolmente.

A Casole, infatti, le opere più corpose sono due, ma l’aumento lo si nota anche nell’esecuzione delle piccole opere. «Su Casole – ha spiegato il vicesindaco, con delega alle Opere pubbliche, Guido Mansueto – abbiamo ricevuto due finanziamenti per il ripristino delle mura. Uno, iniziale in località Dietro le Mura, finanziato dallo Stato per 50mila euro, portato successivamente a 100mila, i cui lavori stanno andando avanti a tre palificazioni al giorno. L'altro in via di Fontecanti dove la Regione ci ha finanziato il lavoro per un importo di 77mila euro. Un sacco di bitume lo paghiamo il 18% in più, i tubi in polietilene il 20 %».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter