Cronaca
Toscana

Vigilanza contro il fuoco: buone pratiche da adottare

Il consigliere della Città Metropolitana di Firenze delegato alla Protezione civile, Massimo Fratini, ricorda che dal primo luglio in Toscana entra nella massima operatività la stagione antincendio estiva

Vigilanza contro il fuoco: buone pratiche da adottare
Cronaca Chianti fiorentino, 02 Luglio 2022 ore 12:26

Il consigliere della Città Metropolitana di Firenze delegato alla Protezione civile, Massimo Fratini, ricorda che dal primo luglio in Toscana entra nella massima operatività la stagione antincendio estiva 2022 con l'attivazione di tutti i servizi e l'apertura delle sale operative provinciali antincendio. Di seguito se ne riportano in modo puntuale gli aspetti principali.

PERIODO ALTO RISCHIO

Dal primo luglio al 31 agosto è istituito il divieto assoluto di accensione fuochi. Questo periodo può essere prorogato dalla Regione Toscana fino a quando le condizioni meteo sono pericolose per gli incendi boschivi.

Apertura COP (Centro Operativo Provinciale Antincendio Boschivo)

Il COP Firenze è allocato presso i locali della Sala Operativa di protezione civile della Città Metropolitana, e svolge la propria funzione fino al 31 agosto (salvo proroghe della regione Toscana) con orario 8-20. Il numero telefonico è 055 41 41 10 . Nell'orario 20-8 la funzione di sala operativa antincendio è svolta dalla regione Toscana tramite la SOUP che risponde al numero 800 425 425

BOLLETTINO RISCHIO ANTINCENDIO

La Regione Toscana pubblica quotidianamente il bollettino sul rischio incendio. All'indirizzo www.lamma.rete.toscana.it/aib è possibile consultare il bollettino tecnico riservato agli addetti ai lavori, mentre all'indirizzo www.regione.toscana.it/bollettino-rischio-incendi è possibile consultare il bollettino riservato a tutti i cittadini, nel quale sono anche presenti le norme di comportamento.

La Città Metropolitana di Firenze ha redatto nell'ambito di una iniziativa di ANCI Nazionale e Corpo Nazionale dei VVF un volantino contenente indicazioni e buone pratiche dirette alla mitigazione del Rischio di Incendi in zone di interfaccia fra aree boscate o comunque vegetate e aree edificate. Il volantino contiene indicazioni semplici, ma che possono rivelarsi decisive per la salvaguardia di beni e della vita umana, è stato prodotto in due lingue, e diffuso da ANCI presso tutte le amministrazione comunali.

 

Le buone pratiche:

l taglia regolarmente l’erba;
l mantieni la base delle chiome degli alberi a minimo 2.5 m dal terreno per evitare la continuità verticale tra il suolo e la chioma;
l mantienilechiomedeglialberidistantitraloroalmeno 2.5 m e distanti 5 m da tetti e strutture;
l perscongiurarel’effetto“miccia”evitalapresenza di siepi senza elementi di discontinuità o siepi che terminano adiacenti all’abitazione;

l mantienilepiantedelgiardinobeneirrigate;
l predisponi una riserva idrica multifunzionale (1,5 m3
di acqua)
Gestione delle strutture e buone norme
l
l
l
l
l
l
mantieni i tetti e le grondaie pulite dal deposito di aghi e foglie;
mantieni sfiati e altre aperture pulite da foglie ed aghi, ed eventualmente installa una rete metallica a maglia stretta;
nella prima fascia (10 m) è consigliato l’installazione di un impianto di irrigazione;
è utile dotarsi di un tubo dell’acqua di una lunghezza adeguata per poter operare su tutti i lati dell’abitazione;
installa gazebi e tende da sole con telo richiudibile;
proteggi con particolare attenzione i serbatoi di gpl;
noncreareaccumulidilegnaealtromaterialefacil- mente combustibile adiacente all’abitazioni;
l ricordasempredovesitrovanolevalvoledichiusura del gas ed il quadro generale della corrente elettrica;
l conosci il piano di protezione civile comunale ed i numeri d’emergenza;
l conosci quali sono le aree di attesa dove recarsi in caso d’evacuazione;
l consulta il bollettino sul rischio incendio boschivo.

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter