Politica

Camper, Cenni e Letta (PD) interrogano il ministro Giorgetti «Il settore rientri nel tavolo istituito per l’automotive»

Camper, Cenni e Letta (PD) interrogano il ministro Giorgetti  «Il settore rientri nel tavolo istituito per l’automotive»
Politica 14 Giugno 2022 ore 14:08

Il settore della camperistica sta vivendo un paradosso: gli ordini sono ripartiti rimbalzando ben oltre i livelli pre-Covid, ma la crisi delle materie prime e la carenza dei componenti, alcuni dei quali proveniente dalle zone di guerra, costringono le aziende a rallentare, prorogando la cassa integrazione e mettendo a rischio i livelli occupazionali. Per salvaguardare la continuità produttiva e l’occupazione, Susanna Cenni ed Enrico Letta (PD) hanno presentato un’interrogazione al ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, chiedendo che il comparto sia inserito nel tavolo di lavoro dedicato all’automotive e alla transizione energetica già attivato al Ministero.

Il 2021 è stato un anno da record per la camperistica in Europa: per la prima volta è stato superato il tetto dei 180.000 veicoli di nuova immatricolazione, di cui il 13% è prodotto in Toscana; in Valdelsa (e in particolare nei comuni di Firenze, Siena, Poggibonsi, San Gimignano, Colle Val d’Elsa, San Casciano Val di Pesa, Tavarnelle) viene attualmente realizzato circa il 90% dei camper prodotti in Italia, con 3.000 addetti diretti e 5.000 nell’indotto. Nonostante questo, da mesi le aziende valdelsane sono costrette a ricorrere alla cassa integrazione e il tempo di attesa per un veicolo nuovo, oggi, va dai 18 ai 24 mesi.

«I sindacati – ricordano Cenni e Letta – hanno lanciato l’idea di istituire un tavolo a livello nazionale e poi europeo per rendere la produzione indipendente dalle componenti e dalle materie prime provenienti dai paesi dell’Est Asiatico e per chiedere una strategia chiara ed efficace per gli anni a venire, in termini di indipendenza delle materie prime e sostegno alla transizione energetica».

«Ci sentiamo di sostenere questa richiesta, condivisa anche dalla Regione Toscana – aggiungono i deputati – perché molti dei problemi che riguardano la camperistica sono gli stessi che vive una buona parte dell’automotive. Pertanto l’inserimento del settore del camper al tavolo di lavoro, già attivato presso il Dicastero dello Sviluppo Economico e dedicato all’automotive ed alla transizione energetica, ha pieno senso: si potrebbero, così, avere gli strumenti necessari ad affrontare l’attuale crisi di materie prime salvaguardando l’occupazione e stabilizzando la forza lavoro precaria, per non disperdere un valore assoluto di competenze e saper fare».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter